Pasta al forno vegana

La pasta al forno è una specialità della cucina italiana che sa soddisfare tutti i palati. È un piatto piuttosto semplice che lascia un grande spazio alla fantasia ed offre un risultato sicuro in qualunque occasione.

Mentre la preparazione della pasta al forno tradizionale è piuttosto basilare, quella della pasta al forno vegana è un po’ più complessa: la ricetta a base di formaggi e salse derivate dai latticini, infatti, impone una sapiente ricerca di ingredienti sostitutivi. Le soluzioni, ovviamente, sono numerose e fantasiose e permettono di rispettare tutti i dettami della cucina cruelty-free senza rinunciare al gusto!

In genere, la preparazione della pasta al forno consiste nell’unire la pasta ad altri ingredienti, come le verdure, amalgamando il tutto con il formaggio o la besciamella: quest’ultima è il legante più utilizzato, data la sua praticità. Fortunatamente, esistono delle varianti vegane altrettanto versatili e gustose. La besciamella vegana si può preparare artigianalmente ricorrendo all’utilizzo del latte di soia o del brodo vegetale: per ottenere ulteriori informazioni, potete consultare l’articolo Besciamella vegana.

Pasta al forno veganaUna ricetta classica ma infallibile è quella della pasta al forno con il tofu e le verdure. La pasta cotta va messa in una teglia oliata insieme alle verdure: una combinazione particolarmente interessante è quella delle carote e delle zucchine tagliate a rondelle e sbollentate per circa 15 minuti.
Il tofu, invece, va tagliato a cubetti o sbriciolato, cosparso di besciamella vegana ed infornato per circa 10 minuti, ai quali devono seguire altri 5 minuti di gratinatura. Secondo le proprie preferenze, si può utilizzare il tofu naturale, quello aromatizzato o, per un piatto ancora più originale, quello affumicato.

Un’altra alternativa piuttosto classica ma estremamente invitante è quella della lasagna vegana. Il procedimento non si discosta molto da quello della preparazione tradizionale ma la besciamella va sostituita con quella vegana ed il ragù con un soffritto di cipolla, carote e sedano sul quale occorre rosolare un paio di hamburger di soia sbriciolati. Al termine della rosolatura, bisogna sfumare il tutto con del vino rosso, aggiungere dei pelati o della passata di pomodoro e completare la cottura cuocendo il piatto a fiamma molto bassa per almeno 30 minuti. Oltre a regolare il sapore della lasagna con il sale ed il pepe, si possono aggiungere due rametti di rosmarino fresco durante la cottura e del cumino in polvere. Dopodiché, si può procedere come nella preparazione tradizionale.

Qualunque sia la vostra scelta, buon appetito!




Go Top