Panna cotta alle mandorle e ciliegie vegana

La panna cotta è un budino tipico della cucina italiana, le cui origini vanno attribuite a quella piemontese. La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo di gelatina e colla di pesce, ingredienti di origine animale che conferiscono al dolce una consistenza tutt’altro che piacevole da assaporare, dal momento che lo rende difficile da far sciogliere in bocca.

La panna cotta può essere resa molto più gustosa e salutare, riducendo il suo contenuto calorico di più del 50% senza penalizzarne il sapore, nonché personalizzata secondo le proprie fantasie. La variante vegana rientra splendidamente in questo caso!

Per preparare un’abbondante porzione di panna cotta alle mandorle e ciliegie vegana occorrono:
500g di panna di soia
200g di ciliegie
70g di zucchero di canna
un pizzico di agar agar
1 bacca di vaniglia
– mezzo bicchiere di latte vegetale
mezzo bicchiere di vino rosso

Panna cottaPer prima cosa, le ciliegie vanno lavate e private sia del nocciolo che del pistillo. Quando sono pronte, bisogna metterle in un pentolino con un paio di cucchiai di zucchero di canna ed un bicchiere d’acqua. Quest’ultima può essere sostituita con il vino rosso, se si desidera conferire al dolce un sapore più intenso ed aromatico. Le ciliegie vanno scaldate a fiamma media fino a quando non assumono una composizione morbida, dopodiché si possono schiacciare o frullare in modo grossolano. In questo modo, si può ottenere una crema dalla consistenza densa con la quale insaporire la panna cotta.

Una buona parte delle mandorle va tritata più o meno finemente e versata in una teglia antiaderente o, se non lo è, rivestita di carta da forno. A questo punto, la porzione va cotta nel forno fino a quando le mandorle non assumono una composizione croccante. Quella rimanente va conservata intera e cruda per decorare il dolce prima di servirlo.

La panna di soia va versata in un tegame con lo zucchero ed i semi di vaniglia estratti dalla bacca. Durante la bollitura, bisogna far sciogliere l’agar agar nel latte vegetale ed aggiungerlo al composto. È preferibile utilizzare il latte di soia o di riso a temperatura ambiente.

Sul fondo dei contenitori nei quali la panna cotta verrà servita, bisogna poggiare una manciata di ciliegie e ricoprirle con la panna cotta, facendole raggiungere il bordo. A questo punto, la si può lasciare solidificare all’interno del frigorifero per circa 3 ore.

Prima di servirla, la si può arricchire in superficie con una pioggerella di mandorle ed una o più ciliegie intere poste sulla sua sommità, per un tocco di classe semplice ma splendido. In alternativa, la si può conservare nel frigorifero per 2 o 3 giorni o congelare in un contenitore ermetico, per scongelarla pochi minuti prima di portarla in tavola.

Buon appetito!




Go Top