Onigiri con cuore d’umeboshi

Gli onigiri sono le gustose polpette di riso tipiche della cucina giapponese che quasi tutti hanno visto almeno una volta guardando la televisione, dato che piacciono a tutti i protagonisti dei cartoni animati! In Giappone, infatti, sono un diffusissimo cibo da strada ed esistono alcuni negozi specializzati esclusivamente nelle loro preparazioni fantasiose.

Gli onigiri rappresentano un piatto unico eccellente per uno spuntino leggero ed energetico e si possono consumare caldi o freddi. Una scelta che consente di personalizzarli ottenendo il meglio della cucina vegana e giapponese consiste nel fornirgli un delizioso cuore d’umeboshi, ovvero un condimento a base di prugne salate.

Per preparare 4 onigiri con cuore d’umeboshi occorrono:
120g di riso integrale
alga nori
un umeboshi
semi di sesamo
aceto di riso
sale

OnigiriNonostante sia un passaggio basilare, la preparazione del riso va effettuata in modo particolarmente accurato. Esso va privato dell’amido, lavandolo sotto l’acqua corrente, sciacquandolo più volte e scolandolo fino a quando i residui d’acqua non diventano limpidi, e cotto a vapore. Quando raggiunge l’ebollizione, la fiamma va abbassata al minimo e la pentola coperta con il coperchio, lasciandolo cuocere per circa 10 minuti. Trascorso questo periodo, lo si deve scolare, mescolare con l’aceto di riso e lasciar riposare nel frigorifero per almeno 3 ore, in modo che acquisisca una composizione compatta.

I semi di sesamo ed il sale vanno versati in due ciotole diverse, mentre l’umeboshi dev’essere tagliato a pezzetti. L’alga nori, che dovrà fare da supporto alle polpette di riso, va divisa in 4 parti uguali e tostata per qualche secondo fino a quando non si indurisce, senza avvicinarla troppo alla fiamma.

A questo punto, è possibile preparare le polpette di riso. Per fare ciò, bisogna bagnare le proprie mani ed immergerle nel sale e, successivamente, nei semi di sesamo. Bisogna conferir loro la forma di un triangolo arrotondato ai vertici, farcirle con un pezzo d’umeboshi e chiudere il buco con dell’altro riso, in modo che il cuore sia nascosto. Dopo aver preparato e farcito tutte le polpette, è opportuno lavare le mani per applicare i pezzi d’alga nori alla base di ognuna, facendo in modo che copra ogni lato fino a metà.

Una volta preparati, gli onigiri possono essere personalizzati ulteriormente in tantissimi modi. Si possono arricchire con i semi di sesamo avanzati dalla preparazione ed insaporire con la deliziosa salsa di soia, rendendoli semplicemente irresistibili.

Buon appetito!




Go Top