Nutella vegana

A prescindere dalle preferenze dolciarie, la Nutella sa mettere d’accordo tutti i palati. È una crema gianduia al sapore di cacao e nocciole che, purtroppo, contiene un’elevatissima quantità di zuccheri ed oli idrogenati. Questo non significa che bisogna necessariamente rinunciarvi: tra gli accorgimenti salutari che si possono attuare in proposito, il più goloso è la sostituzione con un’altrettanto deliziosa ma più genuina versione vegana!

Per ottenere un’impareggiabile Nutella vegana priva di frumento e, dunque, adatta anche ai celiaci, bastano pochi ingredienti e la preparazione è semplice e veloce.

Per preparare un barattolo di Nutella vegana da 300g occorrono:
100g di cioccolato fondente
80g di latte di soia
70g di crema di nocciole tostate
60g di zucchero muscovado
15g di olio di semi di girasole

Lo zucchero muscovado possiede un colore più scuro ed una composizione più granulosa ed appiccicosa rispetto a quella dello zucchero di canna tradizionale, nonché un intenso sapore di melassa. Ha anche una maggiore resistenza alle temperature elevate e può essere conservato più a lungo.

Nutella veganaIl cioccolato fondente va tagliato a pezzetti e mescolato con la crema di nocciole tostate fino ad ottenere un composto omogeneo. Gli ingredienti, ad eccezione dell’olio di semi, vanno versati in una ciotola per la cottura a bagnomaria ed il tutto scaldato a fiamma bassa per circa 10 minuti. Quando il cioccolato inizia a fondere, bisogna aggiungere l’olio di semi e spegnere il fuoco. Il composto, inizialmente liquido, assumerà una composizione densa in qualche minuto e, a quel punto, sarà pronto da spalmare.

La crema di nocciole vegana è una prelibatezza molto più leggera rispetto alla Nutella tradizionale ma, in ogni caso, è consigliabile limitarne il consumo. Si può gustare anche alcuni giorni dopo averla preparata, se la si conserva in un barattolo a chiusura ermetica all’interno del frigorifero. Ad una bassa temperatura, si mantiene fresca e si addensa ulteriormente, esaltando il suo sapore. Per riportarla al suo stato cremoso, è sufficiente scaldarla a bagnomaria o nel forno a microonde per alcuni secondi.




Go Top