Mozzarella vegana artigianale

Essere vegani non significa dover rinunciare al piacere della mozzarella, bensì sostituire quella normale con un’altrettanto invitante versione vegana. Come l’originale, può essere usata in tanti modi ed in innumerevoli preparazioni. Inoltre, la si può produrre artigianalmente in casa senza incappare in grandi difficoltà.

Per preparare una mozzarella vegana artigianale occorrono:
300ml di latte di farro
150ml di latte di mais
4 cucchiai di fecola di patate
yogurt di soia bianco al naturale
100ml di panna di soia
una noce di burro vegetale di grandi dimensioni
noce moscata
sale
pepe
lievito alimentare in scaglie
olio di semi a piacere

Mozzarella vegana artigianaleInnanzitutto bisogna unire le due tipologie di latte vegetale in un pentolino e scaldarlo a fiamma molto bassa, quindi aggiungervi, a poco a poco, la fecola di patate. Il composto va mescolato lentamente con un cucchiaio o un mestolo di legno.
Quando la fecola è completamente sciolta nel latte vegetale, si possono aggiungere anche gli altri ingredienti: lo yogurt di soia bianco va mescolato accuratamente per evitare che si formino i grumi, mentre la panna di soia deve amalgamarsi al resto con un ritmo particolarmente lento ma costante.

Quando la prima parte di ingredienti è diventata un composto omogeneo, si possono versare il burro e l’olio di semi. Per quanto riguarda quest’ultimo, è consigliabile utilizzare quello di arachide che, pur essendo il più costoso, è anche il più salutare tra gli oli di semi comuni; quelli scadenti vanno assolutamente evitati.
Con l’ultima aggiunta si introducono la noce moscata, il sale, il pepe ed il lievito alimentare in scaglie, quindi si continua a cuocere il tutto a fiamma bassa e, eventualmente, lo si regola di sale e pepe.

Un composto più denso del normale può essere migliorato aggiungendo dell’altro latte, mentre uno piuttosto liquido si può addensare e compattare introducendo altra fecola di patate. Dopo circa 10 minuti, la composizione dovrebbe raggiungere la sua condizione ottimale, quindi si può versare in un contenitore unto d’olio, per evitare che si attacchi.

Quando si trova nel contenitore che deve conferirgli la forma, la mozzarella deve essere lasciata a riposo nel frigorifero per almeno una giornata. Una volta che ha assunto la densità ideale, la si può tagliare e servire a piacimento.

La mozzarella vegana artigianale è un ingrediente estremamente versatile: può insaporire un’insalata di verdure miste, condire un succulento panino con le verdure grigliate o sostituire il formaggio in qualunque ricetta. È ottima anche impanata e fritta, come la classica mozzarella in carrozza.




Go Top