Le birre che ti conviene scegliere

Posted In: Stile di vita

Tag:,

La birra è la bevanda alcolica più diffusa ed apprezzata in tutto il mondo ma, pur essendo a base di cereali, non tutte le sue qualità sono conformi alla scelta vegana. La composizione tradizionale della birra è un miscuglio di acqua, malto, luppolo e lievito ma alcuni produttori, sopratutto quelli industriali, vi aggiungono delle sostanze di origine animale.

Durante i processi di produzione della birra, possono essere impiegate diverse sostanze che i produttori ottengono sfruttando gli animali. La caseina del latte, la gelatina ottenuta dalla pelle e dalle ossa degli animali e la colla di pesce vengono utilizzate come chiarificatori, mentre il carbone, anch’esso ottenuto dalle ossa, e la farina fossile possono essere utilizzate per la filtrazione. Alcune sostanze coloranti vengono estratte dagli insetti per fornire alla bevanda il colore desiderato, mentre la pepsina della mucosa gastrica dei maiali, lo zucchero bianco ottenuto dalle ossa animali ed il lattosio di origine bovina vengono impiegati per regolarne la schiuma, la densità ed il sapore. Inoltre, non tutti i produttori riportano la presenza di questi elementi sull’etichetta dei relativi prodotti, poiché le loro quantità sono piuttosto basse.

Le birre che ti conviene scegliereIn genere, le birre tradizionali sono quelle tedesche e belghe, mentre quelle di provenienza anglosassone sono le meno rispettose della vita animale. In questo senso e secondo i dati raccolti da Barnivore, i marchi Beck’s, Budweiser ed Heineken, nonché gli italiani Peroni, Nastro Azzurro e Moretti, producono delle birre che ci si può tranquillamente concedere ogni tanto. Ciononostante, è sempre opportuno scegliere con cautela e, possibilmente, prediligere una bevanda più naturale e salutare!




Go Top