La dieta vegana

Ultimamente, le persone che decidono di non consumare mai più carne, pesce e qualsiasi altro alimento di origine animale, come le uova, il latte ed i suoi derivati, sono in aumento. Il veganismo è una scelta di vita dedicata alla salute ed al benessere ma anche al rispetto per la vita degli animali, in quanto rifiuta ogni utilizzo dei prodotti che prevedono il loro sfruttamento, quali pelli, lana, seta e prodotti cosmetici di origine non naturale.

La dieta veganaLa dieta vegana si basa esclusivamente sul consumo di alimenti di origine vegetale, quali verdura, legumi, cereali e frutta sia fresca che secca. Questi alimenti, se combinati correttamente, apportano tutti i nutrienti necessari per mantenersi in forma ed in perfetta salute.

Il primo passo fondamentale è sostituire le fonti proteiche di origine animale, ovvero la carne ed il pesce, con quelle di origine vegetale. Nella dieta vegana si ricorre soprattutto ai legumi e ad alcuni cereali, che possono coprire ogni carenza.

Uno dei legumi di maggiore importanza è la soia, che si può trovare anche sotto forma di tofu o tempeh ed alla quale si affiancano degnamente le lenticchie, i ceci ed i fagioli. Le principali scelte dei cereali, invece, possono articolarsi tra il riso, la quinoa, il farro, l’orzo, l’amaranto ed il miglio, che sono i più proteici e nutrienti e possono essere cucinati in innumerevoli modi. Un altro alimento in grado di integrare ottimamente le proteine è il seitan, un composto che si ottiene dal glutine della farina e che può essere cucinato arrosto, al forno o al ragù.

Il secondo passo da compiere è integrare il ferro ed il calcio. Il latte tradizionale può essere tranquillamente sostituito da quelli vegetali, come il latte di soia ed il latte di riso, che sono addizionati con calcio e vitamina B12: quest’ultima è particolarmente importante per la salute dell’uomo, in quanto la sua carenza agisce negativamente sul sistema nervoso, causando danni potenzialmente gravi. La vitamina B12, nella dieta vegana, viene fornita anche dalle alghe, dai legumi e dalle noci, fonti che vanno consumate quotidianamente per garantirne il sufficiente apporto giornaliero.

LegumiIl ferro non è contenuto solo nella carne: anche i legumi e molte verdure a foglia verde ne offrono un apporto ottimale, in grado di scongiurare le anemie dovute alle carenze. Per assorbirne una maggiore quantità, è consigliabile mangiarle crude ed accompagnarle con degli alimenti ricchi di vitamina C, come gli agrumi.

Per quanto riguarda gli Omega-3 e gli Omega-6, si può contare sui semi di varie specie vegetali, quali lino, chia, sesamo e zucca, che ne contengono ottime quantità. Un’altra valida fonte di acidi grassi essenziali è la frutta secca.

La dieta vegana include anche moltissimi dolci, purché siano privi di burro, strutto e uova: anche senza questi ingredienti, esistono innumerevoli ricette fantasiose, appetitose e, sopratutto, assolutamente salutari.




Go Top