Il kiwi e le sue importanti proprietà nutritive

Il kiwi è un frutto derivante da alcune specie di liane tipiche delle regioni più orientali del continente asiatico. Ha un gusto acidulo ma gustoso e rinfrescante ed è piuttosto diffuso per il suo consumo individuale o come ingrediente delle macedonie di frutta.

Il kiwi possiede un elevatissimo contenuto di vitamina C, tanto che un solo frutto può soddisfarne il fabbisogno giornaliero di un adulto di peso medio. Con questo elemento nutritivo, rinforza il sistema immunitario ed aiuta l’organismo a contrastare i germi patogeni provenienti dall’esterno, prevenendo il raffreddore e l’influenza. Inoltre, può attenuare le sensazioni di debolezza fisica e stanchezza cronicacontrastare l’anemia ed i disordini intestinali nonché proteggere le cellule dall’invecchiamento precoce causato dall’azione dei radicali liberi. Nelle donne in gravidanza, invece, può scongiurare i disturbi circolatori causati dalla stessa, come la dilatazione dei capillari periferici, le vene varicose, le emorroidi e la pesantezza delle gambe.

Il contenuto nutritivo del kiwi vanta anche un’eccellente quantità di calcio e fosforo, che contribuiscono a rinforzare le ossa ed a contrastare l’insorgere delle loro patologie, e di acido ascorbico, che permette di espellere il colesterolo dall’organismo attraverso la sua trasformazione in sali biliari.

KiwiIn genere, i kiwi reperibili presso i mercati italiani sono di provenienza nazionale, in quanto il nostro paese ne è uno dei maggiori produttori mondiali. Alcuni, invece, provengono dalle coltivazioni cilene e neozelandesi: questi ultimi sono di qualità particolarmente eccellente, seppure anche più costosi. Un metodo efficace per riconoscere un buon kiwi, come per ogni frutto, è osservarlo esternamente ed analizzarne la consistenza: la buccia deve apparire integra ed uniforme, mentre la consistenza non dev’essere né troppo morbida, né troppo matura.




Go Top