I GustoCrek

Posted In: Ricette

Non sapete come accompagnare i vostri pasti home-made? Cosa sgranocchiare a merenda, o in un impeto di fame prepranzo? Ecco a voi i GustoCrek, una ricetta semplice, facile e di buon gusto: creckers con semi di finocchio e paprika dolce, una vera delizia per il palato per tutte le ore; vi consiglio l’alternativa con la paprika piccante se voleste accompagnare questi piccoli “bottonicini” con dei fagioli, della salsa o della salsiccia piccante.
Gli ingredienti sono facilmente reperibili, nulla di eccessivamente costoso, nè di impossibile da ricercare. E’ uno dei blog più completi sulla dieta vegana (Veganblog) a suggerirli.
Ingredienti:
100 g di farina di orzo
30 g di farina di miglio
20 g di farina di riso
20 g di olio di semi di mais
1 cucchiaino e 1/2 colmo di paprika dolce
2 cucchiaini colmi di semi di finocchio
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di bicarbonato
60 g circa di acqua

Si venga alla preparazione. Si prenda un recipiente abbastanza capiente e dalle pareti alte, in modo tale che mescolare con la forchetta gli ingredienti non si riveli un incubo. Si miscelino quindi le farine con la paprika, i semi di finocchio, il sale, e il bicarbonato. Così fatto, si unisca l’olio, e non appena verrà assorbito dalla farina, si aggiunga l’acqua per ottenere un impasto omogeneo e pronto ad essere lavorato a più riprese con le mani. E’ preferibile lavorare la massa per un tempo variabile dai quindici ai trenta minuti. Si stenda la sfoglia su un piano infarinato e con una tazzina da caffé o con un tappo (di quelli piccoli da spezie), otteniamo dei piccoli cerchi a cui faremo dei buchi al centro con degli stuzzicadenti o con le punte della forchetta: sembreranno,come ho già detto, dei piccoli bottoncini; i buchi in realtà serviranno ad evitare la massa si gonfi troppo una volta posta in forno. E’ meglio che non siano nè eccessivamente spessi, perché potrebbero non cuocersi al meglio all’interno, né troppo sottili, evitando così di bruciarli. Mentre si ricavino i Gustocrek dall’impasto, si preriscaldi i forno a 180°-190° per una decina di minuti. Inforniamo i crackers e attendiamo venti-minuti prima di farli intiepidire e iniziare a sgranocchiarli.
La bontà di questo piatto sta tutto negli ingredienti, genuini e dall’accostamento unico. E’ preferibile però restare sulle dosi prescritte e non eccedere in nessuna di essi. C’è chi, ad esempio, considerando la quantità di bicarbonato davvero minima, ha ottenuto dei crackers amari; uguale sorte per chi ha abbondato con i semi di finocchio; qualcun’altro ha provato a sostituire – in mancanza – la farina di miglio con quella di grano integrale ottenendo però un risultato soddisfacente.
Il web è comunque pieno di altre ricette per crackers vegani, con ingredienti sempre sani e genuini e tutt’altro che insipidi, come i non conoscitori della cucina vegana vogliono far credere. Farina di ceci, origano, semi di lino.. a voi la scelta!




Go Top