I broccoli prevengono il cancro orale

Uno studio condotto dai ricercatori dell’University of Pittsburgh Cancer Institute ha rivelato che i germogli dei broccoli possono prevenire il cancro alla bocca ed alla gola. Le eccezionali proprietà nutritive di questi ortaggi sono già ampiamente note, incluse quelle antitumorali che contrastano l’insorgenza del cancro al seno, al colon ed alla prostata, ma con lo studio presentato durante l’American Association for Cancer Research Annual Meeting si deve aggiungere alla lista dei benefici del loro consumo l’azione del sulforafano, una molecola naturale che contiene gli effetti dei cancerogeni ambientali e svolge un’azione protettiva nei confronti del rivestimento orale.

La dottoressa Julie Bauman, coordinatrice dello studio, ha spiegato che i pazienti che sconfiggono il cancro alla testa ed al collo rischiano di venire colpiti dal tumore alla bocca o alla gola che, spesso, si rivela fatale. L’estratto dei germogli dei broccoli sono ricchi di sulforafano, quindi rappresentano un valido alleato per i soggetti più esposti all’insorgenza tumorale. I ricercatori hanno parlato di chemioprevenzione verde, un trattamento che prevede l’utilizzo di semi ed estratti delle piante per prevenire malattie e patologie specifiche.

BroccoliL’esperimento ha coinvolto 10 soggetti sani ai quali è stato somministrato del succo di frutta addizionato con l’estratto dei germogli dei broccoli, per una concentrazione 100 volte superiore a quella della pianta matura. Nel rivestimento interno della bocca è stato rilevato un aumento della resistenza agli effetti degli agenti cancerogeni. Ciò dimostra che il sulforafano è stato assorbito ed che ha agito direttamente sui tessuti a rischio, verso i quali lo studio ha rivolto la sua attenzione.

I ricercatori ritengono che esso abbia dato risultati tali da poter richiedere una sperimentazione clinica che prevede il reclutamento di 40 volontari guariti dal tumore alla testa ed al collo, quindi più esposti al rischio di contrarre il cancro alla bocca ed alla gola.

Le forme tumorali possono colpire varie strutture anatomiche, come le gengive, le ghiandole salivari, la lingua, il palato, le labbra, le tonsille, la laringe, la base del cranio, i linfonodi del collo e l’orecchio. Le cause vanno attribuite principalmente al fumo delle sigarette e ad alcune sostanze chimiche presenti nelle vernici e nelle polveri del legno. L’obiettivo attuale consiste nel rendere il sulforafano un farmaco antitumorale naturale. Rispetto a quelli tradizionali, esso richiedere un dispendio di risorse ed un costo molto inferiore, quindi potrebbe diffondersi anche presso i paesi in via di sviluppo.




Go Top