Arancini di riso vegani

Gli arancini di riso sono una specialità dell’immancabile cucina siciliana. Sostanzialmente, sono dei timballi di riso personalizzabili nella forma, nella dimensione e nei ripieni e servibili come antipasto o persino come piatto unico, data la potenziale ricchezza della loro ricetta. Ve ne proponiamo 3 varianti semplici da realizzare ma comunque originali ed appetitose, con le quali si può stupire il palato di qualunque ospite!

Arancini di riso veganiPer preparare degli arancini di riso alle verdure occorrono:
300g di riso
100g di piselli
2 carote
1 melanzana
1 cucchiaio di panna di soia
1 bustina di zafferano
farina
pane grattugiato
scalogno
brodo vegetale
sale ed olio

Innanzitutto bisogna preparare il composto di base, per il quale occorre soffriggere lo scalogno ed aggiungere il riso, quindi insaporire il tutto. Dopo aver lentamente versato il brodo vegetale, si deve cuocere il preparato per circa 20 minuti. Durante la cottura bisogna sciogliere la bustina di zafferano in mezzo bicchiere di brodo vegetale, quindi aggiungerlo al composto. Una volta terminata, il riso deve raffreddarsi.

Per preparare il ripieno di verdure occorre soffriggere dell’altro scalogno ed aggiungervi i piselli, le carote e le melanzane tagliate a tocchetti, facendolo insaporire a fiamma alta e versando del brodo vegetale. Questo secondo preparato va cotto per circa 10 minuti.

Intanto, si può preparare la pastella versando la farina nell’acqua e mescolando accuratamente il tutto per evitare la formazione dei grumi e fino a quando non le si conferisce una consistenza cremosa. Quindi, va lasciata riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Quando il riso e le verdure sono freddi, si possono impastare ed amalgamare con la panna di soia. Dopo averle modellate a piacimento con le mani umide, bisogna passarle nella pastella e, successivamente, nel pane grattugiato. Infine, vanno fritte nell’olio fino a quando la loro crosticina non diventa splendidamente dorata.

Per preparare degli arancini di riso al ragù di seitan occorrono:
gli stessi ingredienti per il riso e la pastella
200g di seitan
1 cipolla
1 carota
sedano
polpa o passata di pomodoro
pepe e noce moscata

Per il riso e la pastella, il procedimento è identico a quello precedentemente descritto ma è consigliabile fare a meno dello zafferano.

Il seitan va tritato con l’ausilio di una mezzaluna, mentre la cipolla, la carota ed il sedano vanno indorati nell’olio. Una volta bagnati per bene, si può aggiungere il seitan e, a scelta, la polpa o la passata di pomodoro, quindi anche il sale, il pepe e la noce moscata. La cottura deve avvenire a fuoco lento per circa 20 minuti, quindi il tutto deve raffreddarsi.

Per formare gli arancini è sufficiente prendere in mano un cucchiaio di riso raffreddato, schiacciarlo formando una conca e riempirlo con il ragù, quindi chiuderlo con dell’altro riso. Infine, come descritto precedentemente, si passano nella pastella e si friggono nell’olio.

Per preparare degli arancini di riso ai funghi occorrono:
gli stessi ingredienti per il riso e la pastella
200g di funghi
1 spicchio d’aglio
prezzemolo

Anche in questo caso, per il riso e la pastella, il procedimento è identico a quello precedentemente descritto ma è consigliabile fare a meno dello zafferano.

Bisogna soffriggere nell’olio uno spicchio d’aglio tagliato in modo grossolano e, non appena assume un colorito dorato, va tolto ed unito ai funghi tagliati a fettine. La cottura deve durare circa 10 minuti.

Quando la cottura è terminata, si può aggiungere il prezzemolo e si possono modellare gli arancini per poi arricchirli con il ripieno.

Qualunque sia la variante che abbiate scelto, buon appetito!




Go Top